Regione Piemonte – Lega- Pd, prove di inciucio a Palazzo Lascaris.

Mentre il Pdl è nel caos, si consolida l’asse Cota-Fassino e in Consiglio alcuni odg dell’opposizione vengono approvati coi voti del Carroccio. Obliqui avvertimenti o avvisaglie di ribaltone?

Fino a oggi si è trattato di chiacchiere da corridoio, discorsi accennati tra una pausa pranzo e una interruzione del Consiglio Regionale. Di certo, però, qualcuno tra piazza Castello e Palazzo Lascaris sta iniziando a immaginare un percorso alternativo a quello intrapreso. Di cosa stiamo parlando? I dissidi tra Pdl e Lega Nord, a Roma come a Torino, non sono certo una notizia. Il governatore Roberto Cota ha sempre mostrato una palese insofferenza verso i diarchi berlusconiani, Enzo Ghigo e Agostino Ghiglia, e il precipitare dell’alleanza verde-azzurra a Roma potrebbe accelerare la frantumazione della coalizione anche all’ombra della Mole. Scenari da fantapolitica? Probabile, ma se ne parla e già questo testimonia lo stato di salute della maggioranza uscita periclitante vincitrice dalle urne dello scorso anno.

Negli ultimi consigli, ad esempio, i rappresentanti leghisti hanno approvato senza batter ciglio alcuni ordini del giorno proposti dal Partito democratico, spiazzando di fatto l’alleato, costretto a rincorrere. Il segnale potrebbe essere chiaro: il presidente non è in discussione e noi potremmo anche costruirgli una nuova maggioranza intorno. L’asse Lega-Pd, al netto delle dichiarazioni polemiche, è corroborato anche dai rapporti, sin dall’inizio distesi e votati alla collaborazione, tra il neo sindaco Piero Fassino e il Governatur, che nei giorni scorsi si è addirittura avvalso della consulenza dell’ex ministro per dirimere una spinosa controversia con i lavoratori della De Tommaso. I due si sentono spesso, si cercano e, a loro modo, si stimano. E, sotto molti aspetti, hanno pure molti tratti in comune: a partire dallo stile con il quale intendono esercitare i rispettivi ruoli.

Come se non bastasse, i berluscones paiono ormai allo sbando. Il clima è quello del “liberi tutti”, in una continua corsa allo smarcarsi. Correnti come negli oceani e le leadership che cadono sotto i colpi delle sconfitte. In questo scenario si aggiungono i quesiti posti da alcuni consiglieri agli uffici di piazza Castello, per informarsi sulla possibilità di costituire una maggioranza diversa da quella votata lo scorso anno. I tecnici della Regione hanno dato il via libera, spiegando che lo Statuto (art. 52) norma solo la sfiducia al presidente, secondo il principio del “simul stabunt, simul cadent”, mentre nulla dice su un’eventuale maggioranza consiliare diversa rispetto a quella che ha supportato il presidente alle elezioni. Il Piemonte, dunque, potrebbe tornare a essere laboratorio politico, sperimentando la quanto mai anomala coalizione Lega-Pd, sulla scorta di quanto avvenuto nei mesi scorsi in Sicilia, dove il governatore Raffaele Lombardo, in seguito a un rimpasto di giunta, ha ottenuto una maggioranza nella quale sono confluiti anche i democratici, oltre ai deputati dell’Mpa (la Lega del Sud) ed ex berlusconiani pentiti. Il quadro, dall’altro capo del Paese è esattamente speculare e lo stesso potrebbe accadere a Palazzo Lascaris. Dal punto di vista tecnico si può fare, la fantapolitica sabauda può continuare a sbizzarrirsi e i democratici possono iniziare a cercare virtuosismi dialettici per spiegare ai propri elettori le scelte future.

[Fonte: Lospiffero.com]

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Regione Piemonte – Lega- Pd, prove di inciucio a Palazzo Lascaris.

  1. Pingback: Regione Piemonte – Lega- Pd, prove di inciucio a Palazzo Lascaris. | Riprendiamoci noi stessi. Un blog per riflettere a cura di Franco Stano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...